Home

My mechanical works, “Meccanomorfe,” are the sum of the passion of art and motors.

My intention for the use of mechanical steel and iron pieces is neither to diminish the natural shape of the human body nor to replace it; instead the natural and the built are considered at the same level, both sources of beauty and inspiration.

Motor engines, intricate mechanical parts and industrial components evolve into a new meaning-a new existence- the artist turning and assembling them as if building toys.

Shapes and charavteristic of animals- a frog, ram, ant…- represented through the angular formations and intriacies of the mechanics.

Indeed, this mechanical world is encompassed by a unifying theme, drawing the natural and built worlds into one, with imagination as the necessary protagonist.

Not merely bolts, screws and cylinders but rather imagination opens a word of fantastical representation of the human existence.

Letizia Gavioli

_______________________________________________________________________________________________

Ruote, stantuffi, ingranaggi, cilindri………la macchina per tanto tempo sottoposta ad una visione utilitaristica, entra a far parte della sintassi delle emozioni poetiche.
Le mie opere “meccanoforme” sono la somma della passione tra arte e motori: che siano motori nautici, automobilistici o motociclistici, mi approprio di questi elementi che mi permettono di creare un mondo meccanico, nel quale entrano a far parte figure antropomorfe, città, animali, legati ad un immaginario fantastico-grottesco.
Gli elementi meccanici non hanno un significato di prevaricazione sull’uomo non vogliono sostituirsi ad esso, piuttosto si tratta di una realtà al pari della natura, nella quale trovare l’ispirazione. Il motore viene scomposto, sezionato, rielaborato: spostando ogni qual volta gli elementi, come in un gioco di costruzioni dò vita a un mondo irreale, originale e sensibile, dove gli elementi meccanici si personalizzano e si propongono nella loro unicità.

Bulloni, viti, cilindri…….l’esistenza umana cosi omologata non trova spazio nella realtà, ma può rivelarsi solo attraverso l’immaginario.

Letizia Gavioli